Un ponte nel deserto

A Messina in piazza contro l’opera 

Domani a Messina migliaia di persone parteciperanno a una manifestazione organizzata dagli ambientalisti e a cui hanno aderito tante associazioni per dire “no”o al ponte sullo stretto. Non è avventato prevedere che saranno in tanti e che la manifestazione sarà  un successo ancora maggiore di quella analoga organizzata nel dicembre 2004 dallo stesso cartello e di quella del marzo 2005 da Legambiente. In questi mesi infatti è cresciuta nei cittadini siciliani e calabresi l’opposizione a quell’inutile opera e la consapevolezza nell’opinione pubblica italiana che ben altre sono le infrastrutture che servirebbero al nostro paese e al Mezzogiorno in particolare. Da una parte il risultato delle recenti elezioni comunali a Messina ci dice che i messinesi non credono alle promesse di mirabolanti occasioni di sviluppo che avrebbe creato il ponte su cui il centrodestra aveva basato la sua campagna elettorale. Dall’altra l’assurdità  di quell’opera appare evidente sia a un economista liberale doc come Francesco Giavazzi, che in un bellissimo editoriale sul Corriere della Sera di due giorni fa (“Meno ponti più taxi”) spiega appunto quanto ad esempio sarebbero più utili e urgenti politiche di liberalizzazione per le licenze dei taxi piuttosto che costosissime e faraoniche opere, sia alla Cgil che per la prima volta ieri dichiara di condividere le ragioni di chi ha convocato la manifestazione contro il ponte e invita i lavoratori a parteciparvi. La scelta del ponte è tra i simboli più efficaci di scelte fallimentari nel settore delle infrastrutture, non sostenute da alcuna seria politica dei trasporti e che rendono sempre più forte il predominio della mobilità  su gomma, allontanandoci sia dall’Europa (non c’è in nessun altro grande paese europeo un tale predominio del trasporto su gomma). Il ponte è un’opera insensata se si confrontano i 10 miliardi di euro necessari per la sua realizzazione con la cronica indisponibilità  di risorse per affrontare i drammatici problemi di mobilità  del Mezzogiorno. Oggi per andare in treno da Palermo a Messina (poco più di 200 chilometri) occorrono almeno tre ore di viaggio, per raggiungere Potenza da Reggio Calabria ce ne vogliono cinque o sei, e su 1.450 chilometri di ferrovie siciliane solo 105 sono a doppio binario e quasi la metà  non è elettrificata. Se a questi dati si aggiunge il pessimo stato di manutenzione delle reti sia stradali che ferroviarie e la qualità  più che scadente dei servizi di trasporto pubblico, si ottiene una fotografia attendibile del collasso della mobilità  nel Sud: rispetto a una situazione così degradata, che costituisce oltretutto uno degli ostacoli principali sulla via del rilancio economico delle regioni meridionali, il ponte sullo stretto non migliorerebbe le cose di una virgola, anzi le peggiorerebbe assorbendo molti miliardi di soldi pubblici. Realizzare il ponte sarebbe una decisione inconciliabile con l’obiettivo di rendere il nostro paese, e il Mezzogiorno in particolare, più moderni e più efficienti. Quest’opera che Berlusconi e il centrodestra ancora agitano come una sorta di panacea per i mali del Sud, non proietterebbe la Sicilia e la Calabria verso il terzo millennio, semmai le inchioderebbe a perpetuare definitivamente la peggiore “Italietta” del passato.

Lotta di caste al Forum sociale mondiale

MUMBAI. In India gli altermondialisti a contatto con un “altro mondo”, gli intoccabili  

 

Sono alcune centinaia di migliaia le persone che ogni giorno popolano la grande area del Nesco Ground, dove si svolge il Social Forum. Ma anche chi partecipa è diverso. Qui è il popolo degli emarginati, dei poveri, dei dalit – la casta degli “intoccabili” – il protagonista assoluto. Sono tantissime le donne, molte delle quali provenienti dalle lotte contadine nelle zone rurali del paese. Ed è diversa, di conseguenza, la modalità  di partecipazione. E così l’India, con i suoi immensi problemi, è entata nel Forum e l’ha travolto. Difficile raccontare questo Forum sociale mondiale, così come è difficile descrivere le sensazioni che si provano a Bombay (dal 1997 Mumbai), per chi non è mai stato in questa enorme, caotica, poverissima, disastrata e “affascinante” metropoli. Certo è che cercando di costruire “un altro mondo possibile” quest’anno gli altermondialisti, scegliendo di spostare il loro appuntamento da Porto Alegre a Mumbai, hanno incontrato “un altro mondo” reale, non desiderabile, drammaticamente ingiusto, ma altrettanto drammaticamente vero, che qui ti travolge da ogni parte. Una realtà  con la quale si deve fare i conti e la cui “tragicità ” ci conferma il convincimento sulla “radicalità ” necessaria del cambiamento che dobbiamo realizzare e insieme sull’urgenza che un cambiamento di rotta sia “possibile” e quindi anche “realizzabile”, e in tempi rapidi. Intendiamci, non è che a Porto Alegre, nelle tre precedenti edizioni del Forum sociale mondiale (Fsm) o a Johannesburg nel contro-vertice organizzato in occasione del World Summit on Sustenaible Development, o ancora, in quello organizzato a settembre in occasione dell’incontro del Wto, i “ricchi” europei non si fossero già  incontrati con le realtà  dei movimenti del sud del mondo, portatrici di storie, elaborazioni, vite “diverse”. Ma è solo qui a Mumbai che siamo finalmente usciti dai nostri confini, dai confini di una grande Europa che con la sua cultura e i suoi schemi interpretativi della realtà  permea anche molto dello schieramento altermondialista, alternativo, radicale di quei paesi. Tantissime donne, molte contadine In India tutto è diverso. A partire dai numeri che qui sono davvero enormi e difficili da quantificare, ma comunque nell’ordine di alcune centinaia di migliaia di persone che ogni giorno popolano la grande area del Nesco Ground, dove si svolge il Social Forum. Ma anche chi partecipa è diverso. Qui è il popolo degli emarginati, dei poveri, dei dalit – la casta degli “intoccabili” – il protagonista assoluto. Sono tantissime le donne, molte delle quali provenienti dalle lotte contadine nelle zone rurali del paese. Ed è diversa, di conseguenza, la modalità  di partecipazione. Ci sono sì i luoghi del dibattito (le sale gigantesche dove si tengono conferenze e seminari), ma il segno distintivo del Forum lo trovi nei grandi e polverosi viali di questa sorta di cittadella che sono continuamente attraversati da cortei improvvisati, rumorosi e allegri messi in atto delle centinaia di comunità , movimenti, organizzazioni qui presenti. Questo è un paese dove la differenza e l’ingiustizia sociale – basti pensare alla distinzione in caste che continua ad essere fondamentale nella società  reale e che a noi “democratici” occidentali appare ripugnante – sono eclatanti come forse in nessun altra parte del mondo. Centocinquantamilioni di persone, poco meno di tre volte l’Italia, hanno uno stile di vita paragonabile al nostro.

Senato. Ferrante (Ulivo): “Cdl non ha imparato la lezione del referendum”

 

 Dichiarazione del senatore de l’Ulivo, Francesco Ferrante 

“Stupisce questa botta di improvviso moralismo del centrodestra e, se pure è vero che i parlamentari godono di tanti e forse troppi privilegi, ricordo ai colleghi Pianetta e Storace che tutti i provvedimenti prima di approdare in Aula vengono studiati, discussi e spesso sostanzialmente modificati nelle commissioni, vero cuore dell’attività  legislativa”. Così il senatore de l’Ulivo Francesco Ferrante commenta le dichiarazioni dei due esponenti della Cdl. “Se questa becera e pretestuosa polemica è proprio necessaria, suggerisco ai colleghi di tacere sul voto di fiducia, fin troppo abusato dal governo Berlusconi. Inoltre – continua Ferrante – se la valutazione della qualità  del lavoro parlamentare passa per la quantità  di ore ‘di servizio’, allora ricordo anche che, nelle ultime due settimane, sono ben quindici i ministri che hanno relazionato sulle linee programmatiche della loro attività  ad altrettante commissioni. E sono state molte le ore che i senatori hanno dedicato alle attività  delle commissioni che già  hanno lavorato su vari e importanti provvedimenti”. “Le osservazioni di Pianeta e Storace sono pretestuose e rischiano di trasformarsi in un preoccupante antiparlamentarismo, dimenticando che le Camere sono l’istituzione di confronto democratico per eccellenza. E in proposito – conclude il senatore de l’Ulivo – la Cdl non ha ancora capito la lezione del referendum costituzionale?”

1 697 698 699 700  Scroll to top