La “prima volta” continua

Ancora una giornata di “prime volte”. 

La prima volta a Montecitorio, il luogo più simbolico della politica, la prima passeggiata in Transatlantico, entro là  da dove ha scritto in questi giorni il mio gemello “neodep”, e soprattutto la prima volta in cui partecipo al più alto rito laico della nostra democrazia: l’elezione del presidente. La sensazione, ormai familiare in queste settimane, che mi accompagna da stamane è quella di dover affrontare una prova importante. Un po’ come prima di un esame anche se in realtà  ciò che alla fi- ne ci limitiamo a dover fare è votare scheda bianca, come ci annuncia Prodi in una brevissima riunione di tutti i “grandi elettori” dell’Unione. La comunicazione è talmente breve che qualcuno scherzando un po’ dice che «ci potevano mandare un sms». Il senso però è chiaro e condivisibile: confermare la nostra unità  e dare un segnale di disponibilità  all’opposizione. Una cosa sembra definitivamente certa ormai da ieri: il prossimo presidente della repubblica sarà  un Democratico di sinistra, un dirigente politico che lo è stato anche del Pci, un autentico riformista. Mi pare un’ottima cosa sia per il senso di “chiusura” di una parte della nostra storia, questo lungo dopoguerra, sia per il riconoscimento più o meno implicito che così si dà  a una parte importante della sinistra che, pur con tanti errori, è stata in grado di contribuire in maniera originale alla costruzione prima e al consolidamento dopo della nostra democrazia e che, anche se con un qualche ritardo, si è saputa rinnovare. Ma soprattutto mi pare positivo in chiave futura: nel processo di costruzione del Partito democratico il passaggio che ci apprestiamo a fare ne costituisce obiettivamente un rafforzamento. Resta un nodo che, ancora in queste ore, non è definitivamente sciolto. Riusciremo ad eleggere il nuovo presidente con un consenso ampio che vada aldilà  della nostra stessa maggioranza? àˆ evidente che il raggiungimento dell’obiettivo dipende anche e soprattutto dal profilo dei candidati concretamente in campo, uno più “istituzionale” e uno più marcatamente di parte, che almeno così appare – forse non qui dentro, nel Palazzo, tra il ceto politico – ma sicuramente là  fuori tra la gente. Certo le ultime dichiarazione “eversive” (sciopero fiscale e amenità  varie) di Berlusconi non aiutano anzi lasciano veramente sconfortati. Le procedure di voto sono inevitabilmente lente, si passa il tempo disegnando scenari futuri, spiegandoci reciprocamente le proprie prime iniziative legislative. Firmo una mozione che mi propone il collega Nuccio Iovine che impegna il futuro nuovo governo a “farsi sentire” con gli americani per il modo indegno con cui hanno liquidato la morte di Calipari. Attendiamo i risultati dello spoglio che già  sappiamo interlocutorio.

CALIPARI, MOZIONE SENATORI UNIONE “PER FARE LUCE” SU ACCADUTO

I senatori del centrosinistra Iovene, Ferrante, Di Siena, Pisa, Baio Dossi, Furio Colombo, Morando e Bobba dell’Ulivo, Martone e Malabarba di Rifondazione comunista, Silvestri e Donati dei Verdi, Cossutta dei Comunisti italiani, a seguito del rifiuto statunitense di fornire alle Autorità  italiane i nomi dei militari Usa coinvolti nella vicenda che costò la vita al funzionario del Sismi Nicola Calipari, hanno presentato una mozione con la quale chiedono al governo italiano “di adoperarsi e mettere in atto ogni iniziativa utile per l’ottenimento di tutte le informazioni necessarie a fare piena luce su quanto accaduto”. Ecco il testo della mozione: “Il Senato della Repubblica: preso atto della risposta negativa da parte del dipartimento di Giustizia americano alla rogatoria relativa al tragico evento che la sera del 4 marzo del 2005 a Baghdad costò la vita al funzionario del Sismi Nicola Calipari e provocò il ferimento della giornalista de il Manifesto Giuliana Sgrena e dell’altro funzionario del Sismi Andrea Carpani; rilevato altresì, che tale rifiuto a collaborare e a fornire elementi, diversi da quelli già  forniti nel rapporto del Multi National Corps-Iraq, allontana ulteriormente l’accertamento pieno della verità  su quel tragico episodio da parte delle autorità  del nostro paese; ricordando, infine, al governo, nel rispetto delle proprie prerogative e dell’autonomia della magistratura, l’obbligatorietà ‘ nella trasmissione di questa, come di qualsiasi altra, rogatoria internazionale; impegna il governo: a riferire urgentemente in ordine alle ragioni che sostengono il rifiuto statunitense e, qualora non fossero ancora conosciute, ad attivarsi per apprenderle; a esprimere al Governo degli Stati Uniti, per tramite del suo Ambasciatore a Roma, una formale protesta per la mancata collaborazione per l’accertamento della verità  in ordine a questo caso e richiamare a un sistema di relazioni rispettoso delle reciproche prerogative nazionali; a mettere in atto ogni iniziativa utile per l’ottenimento di tutte le informazioni necessarie a fare piena luce su quanto accaduto”.

Un’intesa necessaria

Ieri abbiamo eletto l’ufficio di presidenza del senato (vice presidente, segretari, questori) e anche questo passaggio che di solito è una formalità , vista la risicata maggioranza di cui godiamo, era diventato un snodo politico perché se non fossimo stati presenti in massa si sarebbe corso il rischio di non avere la maggioranza in questo organismo fondamentale per i lavori del senato. 

àˆ andata bene, c’eravamo quasi tutti. Ma anche questo episodio dimostra non solo la necessità  di una presenza costante e senza eccezioni, ma anche che sarà  davvero difficile condurre i lavori del senato se non si pensa di trovare una qualche forma di intesa, seppur nel rigoroso rispetto delle diversità  dei ruoli, anche con l’opposizione.La composizione delle commissioni nei prossimi giorni sarà  un altro delicato passaggio, dato che è impossibile riuscire ad avere la maggioranza e quindi le presidenze in tutte e che quindi la “trattativa” con la Casa delle Libertà  sarà  ineludibile. Ovviamente non sono queste ragioni “tecniche” quelle più importanti, ma è evidente che anche queste devono pesare sulla scelta politica che a me pare indispensabile di provare ad avere un accordo largo sul nome del Presidente della Repubblica.La notizia dell’incontro tra Prodi e Berlusconi è buona da questo punto di vista, vedremo se darà  frutti. Tra i vice presidenti da votare fino a ieri sembrava che ci potesse essere un’amica, la brava senatrice verde Loredana De Petris. In extremis le scelte della coalizione sono state diverse. Peccato. Inganniamo l’attesa dello spoglio discutendo con qualche collega della vicenda Autostrade e in particolare dell’intervista con cui il segretario della Cisl Bonanni sostanzialmente propone la ristatalizzazione dell’azienda. Una proposta probabilmente irrealizzabile anche soltanto per le cifre in ballo e per l’esborso impossibile. Però le vicende di questi giorni fanno risaltare una verità  che a me appariva evidente anche prima: le privatizzazioni senza contemporanee liberalizzazioni sono pericolose e di dubbia utilità . Le Autostrade sono un monopolio naturale, averle privatizzate non ha comportato alcun beneficio per l’utente e anzi oggi emerge con tutta evidenza quello che noi sostenevamo da tempo, cioè che a fronte di tariffe molto favorevoli per l’azienda mancavano gli investimenti necessari soprattutto nel campo della manutenzione. Maggiore vigilanza in tutti quei settori sottoposti a concessione da parte dello stato: anche questo un compito fondamentale del prossimo governo e di noi parlamentari

1 714 715 716 717 718 722  Scroll to top